• About Author

  • Tutta l'Informazione Ninja nella tua mail

  • Mini guida step by step per l’advertising su Facebook

    Elemento fondamentale è quello di individuare le caratteristiche del pubblico a cui ci rivolgiamo

    27 Settembre 2021

    I social media, di fatto, affiancano gli strumenti analogici nelle campagne pubblicitarie, riuscendo a ottenere risultati più immediati e diretti sul pubblico. Per raggiungere questo obiettivo è però necessario massimizzare la funzionalità degli strumenti. Tra i social network il posto d’onore, in termini di utilizzo per l’advertising, spetta ancora a Facebook, nonostante la diffusione di altri strumenti, soprattutto fra i giovanissimi. schermata Facebook Nel Rapporto sullo stato del Marketing condotto da Hubspot nel 2021, si afferma che Facebook è il canale che consente di realizzare un miglior ritorno sull’investimento, posizionandosi al primo posto nell’investimento tra i social media come piattaforma più scelta dalle aziende per effettuare pubblicità online.

    Perché gli annunci su Facebook sono popolari?

    Facebook consente di individuare il giusto cliente, nuovo o interessato, incoraggiandolo all’interazione e al dialogo nel corso del tempo. Gli annunci hanno formati e posizionamenti adatti ad ogni pubblico, non vi sono costi fissi, il budget è personalizzabile e consente una precisa targettizzazione, la campagna è modificabile in corso (a differenza dei media tradizionali come la TV dove, una volta lanciata una pubblicità non è possibile modificarla con tempestività). Inoltre consente un’analisi dei risultati in tempo reale. facebook logo con sfondo tipo matrix Il social di Mark Zuckerberg, promette una pubblicità “sicura”, accettando solo aziende affidabili e in possesso della Blue Print Certification, nel rispetto delle politiche pubblicitarie decise dal social.

    I formati pubblicitari per l’advertising su Facebook

    • foto: un formato semplice che permette di aggiungere testo per comunicare chi sei, cosa fai. Molto utile per attirare nuovi clienti. Uno studio condotto da Facebook, ha dimostrato che una foto ha la possibilità di ottenere prestazioni migliori rispetto ad altri formati nell’aumentare il traffico online e la notorietà del brand;
    • video: sono disponibili in formati diversi, in termini di durata (da 5 secondi a 10 minuti) e di stile. Da utilizzare per migliorare l’awareness del brand;
    • storie: sono visibili a schermo intero verticale sugli smartphone, è un formato particolarmente apprezzato dagli utenti: il 62% degli intervistati negli Stati Uniti ha dichiarato che le utilizzerà ancora di più nel futuro;
    • Messenger: consente di avviare interazioni e conversazioni tra consumatori e azienda, per questo è il formato più adatto per creare e mantenere una relazione con il cliente. Permette di aggiungere funzioni interattive personalizzate;
    • inserzioni riproducibili: offrono delle anteprime delle app, generalmente molto utilizzate nell’ambito dei videogiochi;
    • carosello: permette di raccontare una storia attraverso lo scorrimento di 10 immagini o video all’interno di un’unica inserzione, con il link per ogni singolo prodotto mostrato;
    • slideshow: sono delle clip in movimento, con audio e testo, che permettono di raccontare una storia. Si caricano velocemente e sono fruibili indipendentemente dalla velocità di connessione, si creano in pochi minuti pur offrendo i vantaggi di un video più elaborato;
    • raccolte: rappresentano uno dei modi migliori per far conoscere i propri prodotti. Ogni inserzione contiene delle immagini più piccole, disposte a griglia, che riportano i prodotti dell’azienda, con il link per l’acquisto. Consentono di dar vita ad un’esperienza interattiva senza abbandonare la pagina Facebook.
    LEGGI ANCHE: Upskilling e reskilling: come aggiornarti in Social Media Marketing

    Come creare un annuncio di successo

    Effettua l’analisi del tuo pubblico: prima di realizzare un annuncio è fondamentale capire qual è il nostro pubblico di riferimento per poter poi costruire una strategia intorno ad esso. Prima di creare l’annuncio, ascolta il pubblico. Determina l’obiettivo: Facebook offre una gamma di obiettivi pubblicitari tra i quali optare, in coerenza con gli obiettivi aziendali. Si può puntare ad aumentare le interazioni al post, o il numero di like, indirizzare al sito web, trovare nuovi contatti e migliorare la notorietà del brand. Per capire al meglio quale seguire, si può effettuare un A/B Test che permette di confrontare due opzioni al fine di valutare quale è più adatta al tuo pubblico. Gli obiettivi cambiano nel corso del tempo e del ciclo di vita del prodotto/servizio. Ad esempio, in una prima fase si può optare per un aumento della notorietà, per poi spingere all’acquisto.
    schermata Ad center di Facebook
    Compila le informazioni chiave: scrivi dettagliatamente gli obiettivi, il target e il tipo di annuncio scelto. Progetta l’annuncio: l’obiettivo è di catturare immediatamente l’interesse del pubblico per battere la concorrenza, quindi è necessario che il messaggio sia gradevole. Dedica del tempo al testo e dai spazio a creatività e chiarezza, in modo che nessuno debba domandarsi cosa stai promuovendo. Mira al tuo pubblico: individua le sue caratteristiche (posizione, reddito, età) sulla base dell’obiettivo individuato, che non va mai perso di vista. Scegli i posizionamenti: determina dove verrà visualizzato l’annuncio (app di messaggistica, storie). Se non hai ancora deciso, puoi affidarti al posizionamento automatico di Facebook che, per ottimizzare il budget, indirizza l’annuncio nelle aree meno costose ma che offrono una prestazione migliore.
    Schermata opzioni Facebook Ad
    Imposta il budget: Facebook fornisce una stima del rendimento dell’annuncio in base al budget e alla pianificazione. Affidati a questo strumento. Monitora le prestazioni: misura le prestazioni delle inserzioni, attraverso metriche e strumenti statistici, forniti dal social. Automaticamente, ti verranno inviate delle email con feedback in merito alla prestazione dell’inserzione. Più annunci crei, più dati avrai a disposizione per annunci futuri.

    La strategie di targeting

    Elemento fondamentale è quello di individuare le caratteristiche del pubblico a cui ci rivolgiamo e, solo in un secondo momento, individuare il prodotto ideale da presentare. Se all’inizio Facebook era considerato un social adatto allo svago e al tempo libero, le cose sono cambiate a partire dal 2013, quando ha dato inizio a partnership con broker del calibro di Epsilon, Acxiom e Datalogix, che dispongono di database di milioni di consumatori. Gli inserzionisti hanno così captato la nuova opportunità, andando oltre i propri database di CRM, e rendendo il social media uno dei più fruttuosi a livello commerciale. Facebook ha la particolarità di effettuare una “targettizzazione” seguendo anche gli eventi della vita (lauree, matrimoni, trasferimenti) che gli utenti stessi registrano sui profili personali. Se non hai un valido database clienti puoi utilizzare la funzione “Pubblico Simile”, che permetterà  a Facebook di trovare gli utenti con caratteristiche simili alla tipologia di pubblico scelto. I criteri di targettizzazione possono sovrapporsi per creare un pubblico ad hoc per l’azienda e valutare le combinazioni di comportamento in relazione all’età anagrafica. Evita di sovrastimare il target, cioè scegliere un campione troppo ampio, sia da un punto di vista anagrafico, con un range di età troppo ampio, che sotto il profilo geografico, indicando un’intera nazione.

    Il ruolo attivo del pubblico

    La chiave del successo nella pubblicità su Facebook è il pubblico: oltre al coinvolgimento e all’interazione, è importante infatti fare la massima attenzione a non creare messaggi unidirezionali. Promuovi la community, incoraggia a commentare e condividere, e soprattutto chiedi il permesso di condividere i contenuti creati dai follower. Il pubblico infatti è un creatore di contenuti, il possibile consumatore diventa produttore del valore aziendale, proprio attraverso i media digitali, esprimendo così quello che è il principale desiderio dell’acquirente post-moderno: avere un rapporto interattivo con l’impresa ed essere ascoltato. Consenti alle persone di sentirsi apprezzate rendendole dei decisori: attraverso una storia, per esempio, puoi lanciare un quiz sulle caratteristiche del prodotto preferito, puoi indire un concorso per decidere il nome di un nuovo prodotto, o ancora, creare un forum per esprimere opinioni in modo da raccogliere informazioni preziose che possono essere riassunte in un video.

    Regalati la tua crescita professionale.

    -30% SU TUTTO