• About Author

  • Tutta l'Informazione Ninja nella tua mail

  • Social Media Marketing: come farlo nel 2023

    I social network non sono una “scatola magica” per comunicare i brand, ma un canale di comunicazione con logiche tecniche e sociali con continuo mutamento

    24 Agosto 2022

    Cosa è cambiato nel Social Media Marketing per il 2023? Il marketing online è iniziato sul finire degli anni ’90 con il marketing di ricerca, spingendo i brand a creare siti Web per stabilire una presenza online. Con l’evoluzione dei motori di ricerca Google, Yahoo e MSN, le aziende si sono rivolte a strategie SEO per rimanere in cima ai risultati di ricerca.

    Introduzione: la rivoluzione dell’inbound marketing

    Quando i siti web 2.0, in particolare i blog, sono aumentati di popolarità, i marketer hanno iniziato a riconoscere il potenziale del content marketing. L’outbound marketing, basato sull’esposizione di un messaggio pubblicitario a pubblico vasto e generico, inizia a lasciare spazio all’inbound marketing, con cui si cerca di offrire un vantaggio specifico a un segmento di utenti designato. LEGGI ANCHE: Dimensioni immagini social 2023: la guida aggiornata Nel 2003-2004, il lancio di piattaforme social media come LinkedIn, MySpace, Facebook e Flickr ha il duplice effetto di attirare in massa i netzien già attivi, come i gamer, e di incentivare la connessione di nuove persone alla Rete, risvegliando di conseguenza l’interesse delle aziende. Negli anni successivi, l’atteggiamento favorevole del cliente nei confronti del social media marketing ha definitivamente orientato il marketing aziendale dal marketing outbound, più aggressivo e proattivo, verso marketing inbound, più reattivo. Questo perché il game changer introdotto dai social media (applicazioni che permettono lo scambio e la creazione user generated content) è stato quello di favorire la creazione di social network (persone che decidono di costruire una community intorno a interessi condivisi) dove la comunicazione tra persone avviene alla pari, dando però ai brand la possibilità di intervenire. social media marketing Inoltre, sin dai primi esempi di social media, ossia le piattaforme blog, le comunità di individui tendono ad auto-segmentarsi in nicchie con interessi specifici, fermo restando che ognuna di esse è solo una parte di un utente. I social media sono quindi un ecosistema in espansione di siti Web, applicazioni, piattaforme e dispositivi elettronici che consentono alle persone di conversare e comunicare reciprocamente. È una galassia digitale in cui gli utenti creano comunità online per condividere informazioni, scambiare idee e far circolare messaggi personali. Per utilizzare al meglio queste possibilità di comunicazione personalizzata è nato il Social Media Marketing.

    Cos’è il Social Media Marketing e quali sfide propone nel 2023

    Definizione

    Il Social Media Marketing è il processo di creazione di contenuti su misura per le piattaforme social media, allo scopo di promuovere un marchio e stimolare il coinvolgimento degli utenti. Le diverse piattaforme, al di là delle meccaniche di fruizione, sono accomunate da alcuni vantaggi offerti alle aziende che decidono di investirvi. Ecco cinque nuove prospettive offerte dai social network alle aziende.

    1. Il marketing dei dati

    Con la scoperta del potere dei dati, le aziende hanno raggiunto la possibilità di modulare la comunicazione in un modo del tutto impensabile fino all’inizio degli anni 2000. Attraverso le attività in organico (nelle pagine aziendali) e gli annunci sui social media, i dati sono ampiamente disponibili, spesso direttamente nelle piattaforme grazie a delle analitiche dedicate. Invece di limitarsi a profilare i desideri dei clienti o perché vorrebbero acquistare un prodotto, le aziende possono ottenere analisi storiche su dati di terzi i propri (first party data) su ciò che i loro clienti stanno cercando, cosa li ha spinti a effettuare l’acquisto finale, le ragioni dietro al successo di un annuncio (conversioni) e così via. Un’azienda potrebbe raccogliere ogni dettaglio dei suoi clienti, che si tratti di entrate, abitudini di acquisto, preferenze, antipatie, desideri e quant’altro. Questo approccio genuino al marketing consente alle aziende di indirizzare il proprio pubblico in modo molto specifico e di vendere prodotti o servizi che i loro clienti vorrebbero. Il paradosso attuale è che spesso le aziende hanno/avrebbero ampia disponibilità di dati ma non sanno come organizzarli e interpretarli. sociale media marketing analisi dei dati

    2. L’utilizzo dei social media per raggiungere gli obiettivi di marketing

    I social media sono una piattaforma eccellente per le aziende di tutti i tipi per aumentare la consapevolezza (awareness) del marchio tra un pubblico mirato. Avere una presenza online significa un modo più semplice e veloce per farsi conoscere nel competitivo mercato aziendale. L’esecuzione di campagne e annunci mirati velocizza il processo di crescita della notorietà aziendale e consente a un nuovo gruppo di clienti di scoprire il marchio. La mossa successiva è mantenere i clienti attuali e nuovi coinvolti attraverso contenuti di tendenza e post di nurturing che consentano di costruire gradualmente una relazione con i consumatori. In particolare, numerose ricerche dimostrano che è più probabile che i clienti siano fedeli a un marchio se il marchio sostiene una causa in cui credono: l’importanza della condivisione di valori tra aziende e consumatori (e lavoratori) è un elemento molto attuale nel 2023. Al contempo, per veicolare la comunicazione aziendale si è ormai affermato l’uso non solo di campagne (o challenge), omaggi e concorsi, ma altresì l’uso di influencer e creator, che sono l’incarnazione più attuale e credibile dei vecchi “testimonial”, con il vantaggio di utilizzare i propri canali e la propria fanbase a supporto del brand che sceglie di collaborare con loro.

    3. Accesso al mercato globale

    Un piccolo negozio non è più conosciuto solo dalla gente del posto di quella specifica area o regione. Attraverso l’aiuto dei social media, una piccola impresa può essere conosciuta da persone di diverse parti del mondo senza dover spendere ingenti somme di denaro. La loro pubblicità non conoscerebbe confini di aspetti locali o internazionali. Questo è un privilegio che ora è disponibile per ogni azienda che una volta era possibile solo per le aziende di maggior successo. Il punto diventa quindi non più “espandersi”, ma farlo consapevolmente scegliendo tra molte più opzioni che in passato. Un esempio su tutti: aprire un nuovo punto vendita, creare un e-commerce, puntare su Amazon o stringere un accordo con una GDO straniera possono essere tutte alternative potenzialmente valide per un produttore di pasta.

    4. L’aumento dell’eCommerce

    La forte dipendenza dei consumatori dai social media li ha portati a rivolgersi a strutture di eCommerce ampiamente disponibili online. Ora i clienti possono semplicemente scorrere i prodotti e acquistare i loro normali generi alimentari mentre sono a letto. La comodità dello shopping online ha cambiato il modo in cui i consumatori vedono le aziende. Un’impresa potrebbe operare sia nei negozi fisici che online. Grazie ai margini di spedizione in tutto il mondo, le aziende ora hanno un flusso più ampio della base di clienti che non avrebbero potuto ottenere altrimenti. Come considerato nel punto precedente, anche aprire un eCommerce non è una panacea, ma una scelta imprenditoriale ponderata. LEGGI ANCHE: Logistica per eCommerce: come rendere il tuo magazzino più sostenibile

    5. Servizio clienti affidabile

    Il servizio clienti è sempre stato una parte importante di un’azienda che ha aiutato i clienti a rimanere in contatto in caso di domande o esigenze relative a prodotti o servizi. Avere un servizio clienti che risponde rapidamente e cerca di risolvere i problemi a un livello soddisfacente è ciò che spinge i clienti a riacquistare e ad essere fedeli al marchio. I consumatori fanno molto affidamento sui social media per ottenere il servizio clienti in pochi minuti a qualsiasi ora del giorno. Il servizio clienti non è stato così facile in passato. Avrebbero dovuto scrivere lunghe e-mail, cercare di raggiungere le linee di assistenza dei clienti o inviare moduli da cui potrebbero non ricevere più risposte. Tutti i problemi sono stati eliminati ed è stato sostituito con una semplice soluzione di chattare su Facebook o lasciare un messaggio su WhatsApp. Il customer care è uno snodo centrale nella crescita aziendale. Da un lato “Internet non dimentica”, per cui errori e superficialità sono più facilmente evidenziati da numerosi servizi di recensioni e feedback offerti da terzi. Dall’altro il costo di retention di un cliente è generalmente molto inferiore di quello di acquisizione di uno nuovo: investire nella soddisfazione dei clienti significa permettere all’azienda di svilupparsi, facendo dei clienti i primi ambasciatori del brand.

    Quali sono i canali del Social Media Marketing

    I social media più famosi, in breve

    principali social media Il panorama dei social media di oggi è popolato da una suite di servizi che attirano l’attenzione di oltre 5 miliardi di utenti di dispositivi mobili in tutto il mondo . Ecco una panoramica dei più importanti social network del 2020: Facebook Lanciato nel 2004 dallo studente di Harvard Mark Zuckerberg, ha quasi 1,7 miliardi di utenti. È il social generalista per eccellenza, ancora un punto di riferimento per Boomer e Millennial. Instagram Fondato nel 2010 da Kevin Systrom, laureato a Stanford, come sito di condivisione di foto e acquistato da Facebook nel 2012, Instagram conta oltre 1 miliardo di utenti in tutto il mondo. Conferma il detto che “un’immagine vale più di mille parole”, soprattutto se solletica il senso estetico e la voglia di mettersi in mostra. Tic Toc Fondato nel 2016 dalla società tecnologica cinese ByteDance, questo sito di condivisione video in forma abbreviata è stato fuso con l’app mobile con sede negli Stati Uniti Musical.ly nel 2018 ed è diventato popolare tra adolescenti e giovani adulti. È stata l’app più popolare del 2021, con 656 milioni di download solo l’anno scorso (oltre 100 milioni in più di Instagram). Il suo successo è alimentato dall’uso del format più ricercato, i minivideo, e di un’interfaccia minimal, che rende semplice continuare a navigare di clip in clip. LinkedIn LinkedIn è un social network appositamente progettato per la connessione tra professionisti e professionisti aziendali. Nel 2020, oltre 722 milioni di professionisti utilizzano LinkedIn per coltivare le proprie carriere e attività. A differenza di altri social network in cui è possibile diventare “amici”, LinkedIn riguarda la costruzione di professionalità e relazioni strategiche. Twitter Fondato nel 2006 da Jack Dorsey, Evan Williams, Biz Stone e altri come sito di microblogging, entro il 2020 il 22% degli adulti statunitensi erano utenti di Twitter, secondo Pew Research. Reddit Lanciata nel 2005 da Steve Huffman e Alexis Ohanian, ventenni del Massachusetts, come piattaforma per la condivisione di notizie, i suoi 300 milioni di utenti hanno trasformato Reddit in un sito di aggregazione di notizie e commenti sociali. La sua popolarità si basa sulla capacità di “votare positivamente” e “votare negativamente” i post degli utenti, alimentando così la fiducia nelle discussioni.

    Le piattaforme di nicchia

    Un social network verticale è un social network specificamente mirato che connette persone con interessi, hobby e passioni molto specifici. Gli utenti su piattaforme di social media generali possono facilmente perdersi tra tutti i contenuti irrilevanti: l’ampiezza di scelta è un problema ben noto ai marketer. Per questo esistono canali focalizzati, così da garantire la coerenza dei contenuti e la possibilità di avviare conversazioni tra utenti realmente interessati da dare un contributo. Per le aziende che operano in ambiti attinenti, si tratta di opportunità interessanti per ottenere awareness o convesioni più specifiche su un pubblico già interessato. Twitch È forse il miglior esempio di canale borderline tra nicchia e non. Nace come una piattaforma di live streaming per le comunità di gioco, trovando nel tempo un buon seguito anche su altri ambiti. Ha iniziato il suo viaggio nel 2011, ospita contenuti in live streaming, concorsi e tutorial. Ha due tipi di utenti ben distinti: i suoi 3,8 milioni di emittenti e 140 milioni di spettatori. Gli streamer e il pubblico possono condividere una chat dal vivo per interagire tra loro. Twitch è un’ottima piattaforma per qualsiasi azienda tecnologica per pubblicizzare i propri prodotti e accessori collaborando con gli streamer. Quora Fondata nel 2009, Quora è una piattaforma di social media di domande e risposte. Copre una vasta gamma di argomenti, dalle ricette, ai viaggi, alla scienza, alla narrativa, alla politica e alla scrittura. I suoi oltre 300 milioni di utenti fanno domande su qualsiasi argomento desiderano o rispondono alle domande poste da altri. Gli utenti possono personalizzare il proprio feed per vedere argomenti selezionati, partecipare a forum di discussione e votare le risposte che gli sono piaciute di più. Le aziende possono aumentare la loro credibilità e il loro pubblico rispondendo alle domande o possono avere contenuti sponsorizzati. DeviantArt DeviantArt è una piattaforma di social media per artisti visivi, fondata nel 2000. È considerata la più grande piattaforma artistica con i suoi 48 milioni di utenti in tutto il mondo. Gli artisti possono condividere il loro lavoro su questa piattaforma, che ad oggi conta 370 milioni di pezzi. Gli utenti possono mettere mi piace e commentare diversi pezzi e seguire gli artisti. Le aziende possono creare sfide artistiche per ottenere interazione o lavorare con influencer per mettere in evidenza i loro marchi. GitHub Fondato nel 2008, GitHub è una piattaforma per programmatori, sviluppatori e ingegneri. GitHub è uno spazio interattivo con i suoi 50.000.000 di sviluppatori che si connettono tra loro su progetti e collaborazioni, condividono il loro lavoro e si aiutano a vicenda a costruire codice. GitHub non offre pubblicità, ma ancora 2,9 milioni di aziende lo utilizzano per attirare programmatori per collaborazioni professionali e connettersi con il loro target. Stack Overflow Stack Overflow è un’altra piattaforma di social media di domande e risposte che fa parte della rete di scambio di stack e fondata nel 2008. È una comunità per sviluppatori e programmatori. Ha oltre 100 milioni di utenti che fanno domande, rispondono alle domande poste da altri utenti e votano le risposte più utili. Gli utenti possono anche vincere badge per il loro contributo alla community. Le aziende utilizzano questa piattaforma per mettere in evidenza le proprie competenze rispondendo a domande, per fare pubblicità e anche per pubblicare offerte di lavoro. Goodreads Goodreads è una piattaforma sociale per i lettori in cui possono connettersi sui libri che hanno letto. Fondato nel 2007, conta oltre 90 milioni di membri che tengono traccia di ciò che hanno letto in una biblioteca virtuale, scrivono recensioni di libri, creano elenchi di letture e discutono con altri utenti sui libri che hanno letto. Ad oggi, sono stati aggiunti alla piattaforma 2,6 milioni di libri. Autori ed editori utilizzano questa piattaforma per interagire con i lettori sulle nuove uscite, mettere in evidenza i loro nuovi libri e regalare copie avanzate per i lettori.

    Cosa fa un Social Media Manager

    Chi è interessato a lavorare come social media manager, può trovarsi alle prese con varie attività:
    • Aumentare i follower e l’engagement: far crescere il profilo di un’azienda su tutte le piattaforme social attive aumentando il numero di follower che ha e la quantità di coinvolgimento (Mi piace, commenti, condivisioni) che riceve. Potresti essere tenuto a sviluppare post scritti o visivi per ottenere entrambi.
    • Strategia di contenuti: per promuovere il coinvolgimento, essere responsabile dell’ideazione (e talvolta dell’esecuzione) di campagne social che si allineano con le strategie di marketing più ampie di un’azienda. Spesso si è chiamati anche a generare idee per contenuti last minute o evergreen, oppure riutilizzare contenuti generati dagli utenti (UGC).
    • Analisi dei dati: oltre al lavoro creativo, va dedicato del tempo ad analizzare i dati per trarre conclusioni sul rendimento dei post e dei contenuti di un’azienda. Ciò può includere l’ascolto sociale, il monitoraggio di ciò che gli utenti dei social media dicono di un marchio o dei concorrenti. Di particolare rilevanza sono i Key Performance Index (KPI), ossia le metriche più importanti da monitorare e far crescere, decise in accordo con il cliente.
    • Report: tenere aggiornati i referenti delle aziende/clienti è parte lavoro. Si tratta quindi di calendarizzare delle sessioni periodiche di aggiornamento, per esporre i risultati ottenuti, presentare eventuali azioni correttive, e ricevere un riscontro su come le attività di SMM attuate o programmate si integreranno con gli interessi aziendali.
    • Operatività. A seconda delle dimensioni del team, un SMM può avere diversi gradi di operatività: programmazione/pubblicazione dei post, monitoraggio dei risultati e interazione con gli utenti sono le attività più comuni.
    Chi è interessato a diventare un social media manager, dovrebbe migliorare le proprie abilità di:
    • Scrittura: che si tratti di un post dettagliato o di un microcopy in grafica, una buona scrittura sui social media va oltre la solida grammatica e l’ortografia. Sarà importante affinare le capacità di copywriting per sviluppare una scrittura avvincente che si adatti alla storia e alla voce di un brand e coinvolga il pubblico prima di candidarsi per diventare un social media manager.
    • Editing: oltre a scrivere una copy, probabilmente ci sarà occasione di rivedere il lavoro dei membri del team e assicurarsi che sia grammaticalmente corretto e privo di errori. Affinare le capacità di editing e correzione di bozze può aiutare a sviluppare l’occhio necessario per rassicurare un’azienda o un marchio sul fatto che sono in buone mani. Da ricordare che scansionare un contenuto per verificare il tone of voice e leggere per controllare errori e refusi sono due processi diversi.
    • Design: la comunicazione avviene attraverso immagini, infografiche, video e grafici. Immaginare un post e quindi articolare le ragioni commerciali o strategiche delle tue scelte sarà fondamentale tanto con i colleghi del dipartimento grafico quanto con i clienti.
    • Strumenti analitici: sapere quali messaggi incontrano il gusto degli utenti richiede un occhio analitico e la capacità di ricerca. È utile sapere come utilizzare strumenti di ascolto dei social media come Sprout Social, Hootsuite e HubSpot.
    • Tempestività: le news possono far percepire alcuni post come inadatti o oscurare in altro modo i contenuti in termini di importanza. Rimanere al passo con le notizie e le conversazioni online più rilevanti il settore in cui opera un brand aiuta a reagire di conseguenza e mantenere il marchio di un’organizzazione.
    • Comprensione delle piattaforme: per gestire con successo gli account, è necessario avere una conoscenza approfondita di diverse piattaforme di social media, i loro punti di forza, di debolezza e i dati demografici degli utenti, tra le altre caratteristiche.
    • Aggiornamento: il cambiamento è costante nel mondo dei social media. Nuovi hashtag, algoritmi e funzionalità della piattaforma di nuova tendenza spesso richiedono ai social media manager di cambiare le strategie di medio-lungo termine e incorporare le novità nei piani editoriali.

    3 trend di Social Media Marketing per il 2023

    Attualmente TikTok, Instagram e Facebook sono le prime piattaforme che vengono nominate quando si parla di Social Media Marketing. Altri nomi famosi sono Twitter, WeChat, Tumblr, LinkedIn, Snapchat, Pinterest, Twitch e VK. Anche altri siti che non sono veri social network come Reddit e YouTube sono ancora importanti per i social media marketer, ma andiamo con ordine.

    “Il” format: microvideo

    Secondo una recentissima ricerca di HubSpot, nel 2023 Facebook è ancora la piattaforma di social media numero uno su cui si stanno concentrando i marketer. La prospettiva è molto occidentalizzata, ma si tratta probabilmente del miglior modo per capire i trend europei del presente e del prossimo futuro. Alla domanda su quale piattaforma di social media intendono investire di più per il 2023, il 25% ha risposto a Facebook, il 20% ha risposto YouTube, il 16% ha risposto Twitter e il 15% ha risposto Instagram. Secondo i dati, Facebook sembra generare lead di altissima qualità per i marketer, il che spiega perché i marketer stanno sfruttando maggiormente questa piattaforma. TikTok è un’altra piattaforma popolare in cui il 52% dei marketer intervistati prevede di aumentare i propri investimenti. Ci sono due ragioni: la prima è che i video e gli audio in formato breve stanno crescendo e stanno diventando sempre più il tipo di contenuto più fruito. In effetti, è il formato che il 26% dei marketer sta sfruttando di più nel 2023. Quando si tratta di piattaforme e/o funzionalità emergenti, gli esperti di marketing tengono d’occhio YouTube Shorts. L’83% dei marketer prevede di aumentare i propri investimenti nella funzione video in formato breve, un concorrente di TikTok. Secondo i dati, la maggior parte dei marketer (oltre il 60%) afferma che i video in formato breve sono il formato più efficace e offrono il ROI più elevato, seguiti da video live e live streaming. Per quanto riguarda l’audio, il 44% dei marketer prevede di sfruttarlo per la prima volta nel 2023.

    La (ri)rivoluzione audio del Social Media Marketing

    Il punto chiave è che anche le piattaforme audio svolgeranno un ruolo molto più importante nelle strategie di marketing nel 2023 e nel prossimo futuro rispetto al passato. Infatti, la rinnovata attenzione allo screen time giornaliero e al digital detox ha rinnovato l’interesse per i format audio only. Spotify, leader dello streaming musicale, sta continuando a lavorare su funzionalità inedite che mirano a unire maggiormente gli utenti della piattaforma di streaming: dopo le playlist Blend introdotte nel settembre 2021, gli sviluppatori stanno creando la funzionalità Community, una delle più richieste dai fedelissimi iscritti. Oltre alla musica, i podcast sono un fenomeno molto rilevante, affermandosi come l’ibrido perfetto tra TV e radio, creando una sensazione di maggiore intimità con l’ascoltatore e comunicando in modo spontaneo (e con minori costi di realizzazione). La sfida per i brand che punteranno su questo format ad alta affezione, sarà di utilizzare i dati di sondaggi, test di usabilità, analisi e altre fonti, per creare podcast che rispecchino gli argomenti e i valori del pubblico.

    Creator Economy

    Anche se già citata, va ribadita l’importanza dei creator, che stanno cambiando la logica di comunicazione dei social media, con un modello di business che porta i brand deviare la comunicazione dalle pagine aziendali ai canali social dei creator, per raggiungere le loro fanbase. creator economy YouTube, Snapchat, Instagram e TikTok hanno tutti investito per alimentare il fenomeno. Secondo una recente ricerca, di Influencer Marketing Hub, più di 50 milioni di persone in tutto il mondo si considerano creator. I creator non si limitano alle reti di social media, ma quelli che utilizzano i social media contribuiscono al previsto settore degli influencer da 13,8 miliardi di dollari. Con la maturazione dell’economia dei creatori, anche le strategie si diversificano. I micro-influencer con meno di 15.000 follower sono valutati per avere tassi di coinvolgimento più elevati su Instagram, YouTube e TikTok, offrendo ai marchi più piccoli l’opportunità di far crescere la propria presenza social. In questo senso si spiega l’evoluzione dell’algoritmo di Instagram nel 2023.

    Come si impara il Social Media Marketing

    I social network non sono una “scatola magica” per comunicare i brand, ma un canale di comunicazione con logiche tecniche e sociali con continuo mutamento. Questo articolo fornisce una base per capire le dinamiche sottese ai social media, mantenere un mindset valido nel lungo termine e riflettere sulle ultime macro-tendenze del 2023. Ma per imparare davvero a padroneggiare i social media, due sono gli elementi da combinare:
    • Formazione continua
    • Confronto con colleghi ed esperti
    La soluzione efficace ed efficiente per ottenere entrambi è puntare su una scuola che offra anche ampie occasioni di networking. Per questo i corsi della Ninja Academy sono un’ottima risposta per chi desidera iniziare una carriera come Social Media Manager o consolidare le proprie abilità con una formazione verticale. L’ampia offerta formativa comprende:
    • SOCIAL FACTORY E MASTER IN SOCIAL MEDIA MARKETING
    • SOCIAL MEDIA STRATEGY
    • INSTAGRAM MARKETING
    • SOCIAL MEDIA ADVERTISING
    • ADVANCEDONLINE
    • FACEBOOK MARKETING
    • ADVANCEDONLINE
    • LINKEDIN MARKETING
    • YOUTUBE MARKETING
    Sono tutti consultabili e confrontabili nel dettaglio sul sito ufficiale della Ninja Academy.

    Regalati la tua crescita professionale.

    -30% SU TUTTO